ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




martes, 25 de septiembre de 2012

Darò un milione - Mario Camerini (1937)


TÍTULO ORIGINAL Darò un milione
AÑO 1937
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Español (Separados)
DURACIÓN 79 min.
DIRECTOR Mario Camerini
GUIÓN Mario Camerini, Giaci Mondaini, Ivo Perilli, Cesare Zavattini (Historia: Giaci Mondaini, Cesare Zavattini)
MÚSICA Gian Luca Tocchi
FOTOGRAFÍA Otello Martelli, Carlo Montuori (B&W)
REPARTO Vittorio De Sica, Assia Noris, Luigi Almirante, Mario Gallina, Franco Coop, Gemma Bolognesi, Cesare Zoppetti
PRODUCTORA Novella Film
GÉNERO Comedia

SINOPSIS Dos hombres se arrojan al mar al mismo tiempo. El primero (Luigi Almirante) es un pobre de solemnidad, que se ata una piedra al tobillo buscando una muerte rápida. El segundo, el millonario Gold (Vittorio De Sica) se lanza al agua desde su yate, aburrido del dinero y de la hipocresía de sus invitados. El millonario salva al pobre e intercambian sus ropas. Asegura que daría un millón con tal de encontrar a alguien que fuera capaz de un gesto amable desinteresado. El pobre vestido de frac cuenta su increíble historia al director de un periódico. El director del diario decide cambiar el titular: "Daré un millón", clama la primera plana a cuatro columnas. Y como cualquier pobre puede ser el millonario disfrazado, los burgueses se apresuran a ser generosos y amables con cuanto menesteroso se les pone a tiro. (FILMAFFINITY)

Enlaces de descarga (Cortados con HJ Split)
http://www13.zippyshare.com/v/469808/file.html


Non mi stancherò mai di ripetere che Mario Camerini è uno dei più grandi geni misconosciuti del nostro cinema, uno dei cineasti più tecniciche abbia mai visto orchestrare un film nel nostro paese e uno dei più delicati narratori.
Penalizzato (forse) dal cinema dei telefoni bianchi e dal dover girare continuamente commedie rosa (ma in molti casi si trattava di scelte precise) Camerini ha attuato in silenzio e senza clamori, una serie di sperimentazioni visive e narrative fuori dal comune.
In particolare Darò Un Milione si apre con un montaggio alternato tra un milionario stanco nel suo yacht e un barbone desideroso di porre fine ai suoi giorni, entrambi meditano di buttarsi nelle medesime acque ma con scopi differenti. Alla fine lo farà solo il milionario per fuggire dalla sua di realtà e tuffarsi in quella del barbone (la vita di indigenza). Ma che rigore nel montare...
Al favolismo zavattiniano del soggetto Camerini (che non aveva buoni rapporti con il soggettista) risponde con una messa in scena rigorosissima e densa di poesia nascosta (e non esibita come è invece uso di Zavattini). Esempio di questo è ancora verso l’inizio del film la scena in cui il giovane milionario che si finge barbone si sveglia in un prato erboso tra panni stesi al sole. La prima cosa che vede è un cane che fa le capriole mentre sente la voce della ragazza destinata (come vogliono i canoni) ad essere la sua amata. Le percezioni dello spettatore si confondono tra le ombre ingannevoli di altre lavandaie dietro ai panni, il cane che fugge e un montaggio che confonde ancora di più come se ci si trovasse in una stanza degli specchi. Una tecnica che sembra mantenere una continuità insperata con il mondo dei sogni da cui il giovane barbone milionario dovrebbe essersi destato, cosa che personalmente ho ritrovato in un altro solo film girato almeno 10 anni dopo cioè Scala al Paradiso (il risveglio in spiaggia).
In particolare poi, per gli amanti della lotta ai regimi, Darò Un Milione cambia ambientazione dall’Italia alla Francia per poter mostrare una diffusa povertà, una meschinità umana non comune nel cinema dei telefoni bianchi e un opportunismo alto borghese che appartiene tutto alla matrice originale, cioè la storia di Zavattini.
Gabriele Niola
http://pellicolerovinate.blogosfere.it/2008/10/daro-un-milione-1936-di-mario-camerini.html

Si sa, il denaro non rende felici. Il ricco non conosce mai i veri sentimenti di chi lo circonda, non sa quanto le persone siano mosse dai propri interessi. E intanto il tempo scorre, la vita vola via. E’ mentre si trova immerso in pensieri di questo genere che il facoltoso Gold – un giovane e magrissimo Vittorio De Sica – decide di mettersi nei panni del povero per vedere “l’effetto che fa”. Scatenando, senza neanche volerlo, una caccia all’uomo, complice la fame di audience di un giornale quotidiano che – ritoccando la realtà – trasforma, in uno dei classici titoli a nove colonne, un “darei” in “darò”: si riferiva ad un milione di lire degli anni Trenta, che il miliardario avrebbe donato a chi avesse dimostrato un incondizionato gesto d’affetto nei suoi confronti…
Camerini, anche se in coproduzione con la Francia, butta un occhio oltre Atlantico, prosegue la sintonia col coevo Capra, e mette in scena – con l’aiuto di un esordiente Cesare Zavattini e di Giaci Mondaini – un personaggio ironico, scanzonato, i cui panni calzano perfettamente sul corpo d’attore di De Sica: facile immaginare reazioni contrastanti di contemporanea immedesimazione e repulsione per le sue azioni anarcoidi ed imprevedibili, da parte di un pubblico assuefatto ai conformismi e ai rituali di una ormai matura dittatura fascista.
Il terzetto De Sica/Noris/Camerini, che si ripete in altri grandi film dell’epoca (Il Signor Max, Grandi Magazzini), conserva una fenomenale capacità di dare vita a commedie particolarmente ariose, improntate sì alla brillantezza delle omologhe opere a stelle e strisce, ma rivedute alla luce di un piacevole provincialismo italiano. Curioso il livello di denudazione a cui giunge, senza malizia ma piuttosto con placida ritrosia, il personaggio circense della Noris, attrice che di lì a poco avrebbe stretto un legame sentimentale con Camerini. Remake due anni dopo negli Stati Uniti, col titolo I’ll give a million e la regia di Walter Lang.
http://www.sentieriselvaggi.it/articolo.asp?sez0=16&sez1=0&art=27232


5 comentarios:

  1. hola biuenisma la pagina!!!
    un favor podrias subir scusa ma ti chiamo amore y scusa ma voglio sposarti.. la continuacion!
    sos un genio y aguante el italiano!!
    hernan

    ResponderEliminar
  2. En daró un milione, el archivo de los subs está vacio. Por favor podrías subir el archivo correcto. Gracias

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Gracias por avisar. Colocado el enlaces correcto.

      Eliminar
  3. could you please re-up this film?
    it sounds amazing

    thanks

    ResponderEliminar