ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




domingo, 3 de junio de 2012

Anna di Brooklyn - Carlo Lastricati, Vittorio De Sica (1958)


TÍTULO ORIGINAL Anna di Brooklyn
AÑO 1958 
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS No
DURACIÓN 105 min. 
DIRECTOR Carlo Lastricati, Vittorio De Sica
GUIÓN Luciana Corda, Ettore Maria Margadonna, Dino Risi
MÚSICA Alessandro Cicognini, Vittorio De Sica
FOTOGRAFÍA Giuseppe Rotunno
REPARTO Gina Lollobrigida, Vittorio De Sica, Gabriella Pallotta, Mario Girotti, Amedeo Nazzari, Peppino De Filippo, Clelia Matania, Dale Robertson, Augusta Ciolli, Luigi De Filippo
PRODUCTORA Coproducción Italia-Francia
PREMIOS
 1958: Festival de Berlín: Sección oficial de largometrajes
1957: Premios David di Donatello: Mejor producción y Plato dorado (Vittorio De Sica)
GÉNERO Comedia 

SINOPSIS Anna, una mujer joven y guapa, abandona Nueva York y regresa a su pueblo natal, en el Abruzzo, con la intención de contraer matrimonio con un antiguo compañero de la infancia. (FilmAffinity)


All’epoca Gina Lollobrigida era la nostra diva più amata all’estero. Qualche mese dopo sarà scalzata da Sophia Loren, soprattutto per merito di Carlo Ponti che seppe imporla nel panorama internazionale come icona dell’italianità. Prima dello spodestamento di Donna Sophia, la Gina nazionale ebbe il tempo di recitare in questo prodotto senza arte né parte costruito con l’unico obiettivo di essere esportato. Storiella di infimo valore, oleografica (fotografia da cartolina di Giuseppe Rotunno) e senza una reale ragione d’essere che non fosse piacere agli americani, è un’accozzaglia di luoghi comuni e stereotipi che si vorrebbe inserire fuori tempo massimo nel filone del neorealismo rosa. Ma ad Ettore Margadonna la ciambella riuscì una volta (Pane, amore e fantasia), Dino Risi in sede di sceneggiatura è ininfluente e la regia dello sconosciuto Carlo Lastricati è inesistente, nonostante l’effettiva direzione fosse nelle mani di Vittorio De Sica. Tre divi da esportazione: Gina fa l’abruzzese verace di ritorno dagli States, Vittorio il prete di montagna, Amedeo Nazzari il fabbro. C’è pure Peppino come farmacista in cerca di moglie, ma era abituato a film anche peggiori. Dimenticato nel corso del tempo, nonostante ai tempi vinse addirittura il David per la miglior produzione (ossia Milko Skofic, marito della Lollo).
Di LorCio
http://www.film.tv.it/film/28096/anna-di-brooklyn/opinioni/598370/

Un film recuperato casualmente e dato per disperso, uscì all'epoca prodotto dal marito della Lollo, che quasi debuttò come produttore (dato che lo aveva fatto in parte con La Donna Più Bella del Mondo, con altri esiti), ma dopo per ragioni sconosciute il film fu disperso e neanche programmato in Tv. Il film lo doveva dirigere in pieno Vittorio De Sica, che si era preso l'impegno come regalo per la nascita del primogenito della Lollobrigida, e nasce come soggetto da Margadonna, autore dei Pane Amore.., e Dino Risi,sceneggiatura dello stesso Margadonna coadiuvato da un nome ottimo come Joseph Stefano (Psyco) e Luciana Corda. Già in sceneggiatura il soggetto ha perso diversi spunti ed in fase di regia abbiamo un Carlo Lastricati, anonimo nome, che porta questa sua anonimità pari pari nel film, avendo fatto solo il lavoro di aiuto regista; viene a mancare , insomma, la mano di una regia e di qui la perdita delle situazioni brillanti e la direzione scollegata di tutto un cast di ottimo livello. Dispiace veder, anche se la commedia è semplice, buttare via un'idea non male e decisamente , sulla carta, divertente.

Sulla trama
Una storiella semplice, che poteva però essere più efficace
Sulla regia di Carlo Lastricati
meno male che non ha fatto più regie, qui la presunzione è al massimo
Sull'interpretazione di Gina Lollobrigida
Ce la mette tutta, ma da sola non può fare molto per salavre il salvabile, ed anche figurativamente non è messa al meglio
Sull'interpretazione di Vittorio De Sica
Ha solo la supervisione del film e questo è stato  il danno,  comunque il ruolo del prete lo fa sempre alla perfezione
Sull'interpretazione di Dale Robertson
Un attore sdi seire B che non ci dice ninete in un film come questo
Sull'interpretazione di Peppino De Filippo
Il farmacista,  brvao lo è , ma la regia non sa assolutamente approffittarne
emmepi8
http://www.film.tv.it/film/28096/anna-di-brooklyn/opinioni/499326/

No hay comentarios:

Publicar un comentario