ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




miércoles, 18 de diciembre de 2013

La Cotta - Ermanno Olmi (1967)


TITULO ORIGINAL La cotta 
AÑO 1967
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Español e inglés (Separados)
DURACION 49 min.
DIRECCION Ermanno Olmi
GUION Ermanno Olmi (Historia: Giacomo Leopardi)
MUSICA Elvio Favilla
FOTOGRAFIA Idelmo Simonelli (B&W)
MONTAJE Carla Colombo
REPARTO Giovanna Claudia Mongino, Luciano Piergiovanni
PRODUCTORA Radiotelevisione Italiana (RAI)
GENERO Drama. Comedia | Mediometraje. Telefilm

SINOPSIS Andrea es un chico de quince años que ha decidido poner a prueba sus técnicas para ligar. Siempre optando por lo racional y el concepto industrial aplicado al amor, sucumbe, sin embargo a sus deseos. Andrea, un muchacho de quince años (digamos dieciseis) que nos conduce a traves de su pasión, autocontrol, dominio, fracaso, lo contrario o todo al mismo tiempo. Como en cualquier romance de un chico de quince años. (FILMAFFINITY)

Enlaces de descarga (Cortados con HJ Split)

Subtítulos (Español)

Subtítulos (Inglés)

TRAMA DEL FILM RACCONTI DI GIOVANI AMORI: 

1° episodio: La cotta - Andrea, quindicenne intelligente ma non troppo impegnato negli studi, prende una cotta per Janine e si illude che il suo sia il vero ed eterno amore. Ma al primo contrattempo, Andrea è già pronto ad innamorarsi di un'altra ragazza, questa volta però molto più matura di lui. Costei, onestamente, cerca di fargli capire che il vero amore non lo si riconosce in una "cotta", ma lo si deve costruire lentamente, soffrendo. Andrea non l'ascolta, convinto di essersi innamorato definitivamente. 

2° episodio. La regina - Graziella vuole a tutti i costi diventare attrice di teatro. Conosce un ragazzo che la stordisce con le idee più strampalate ma che si innamora di lei e, per poterla attirare a sé, la tradisce nei suoi ideali artistici. Il ragazzo, quando si rende conto di averla perduta, ha una reazione violenta: la prende a schiaffi. E Graziella andrà a Milano, colpita dal fascino del mondo del teatro. 

3° episodio: Il ragazzo di Gigliola - Gigliola e Roberto si vogliono bene, ma non si conoscono veramente. Un giorno il ragazzo scompare e Gigliola viene a sapere che è stato arrestato per furto. Assiste al processo e, proprio allora, Gigliola ha l'impressione di conoscere veramente il suo ragazzo attraverso le parole del P.M. e dell'avvocato difensore. Gli vorrà ancora più bene perché sa che Roberto ha veramente bisogno di lei. E lo aspetterà.

CRITICA: 
"I tre episodi di amori giovanili, prodotti per la televisione, sono freschi, ma forse eccessivamente didascalici e quindi meno convincenti. Anche la lentezza del ritmo narrativo contribuisce a diminuirne l'efficacia immediata su un pubblico normale. (...) Il tema dell'amore tra adolescenti e giovani con le sue fiammate improvvise e le sue inevitabili delusioni è trattato con estrema delicatezza." 
(Segnalazioni cinematografiche, vol. 65, 1968)

NOTE: 
IL FILM E' COMPOSTO DA TRE EPISODI: LA COTTA, LA REGINA, IL RAGAZZO DI GIGLIOLA. LA DURATA E' QUELLA COMPLESSIVA DEI TRE EPISODI.


Un quindicenne milanese conosce una francesina appena arrivata in Italia, inizia a frequentarla, si illude di non farsi coinvolgere ma ovviamente ci casca come una pera matura. Mediometraggio realizzato per la Rai, in pratica sviluppa il versante sentimentale de Il posto (1961), dalla timida infatuazione fino all’appuntamento mancato a una festa di Capodanno. È un tenero, delicato e vivace ritratto di un’adolescenza maldestra, con tanta voglia di crescere ma altrettanta incertezza sul da farsi, e ha un finale amarognolo accostabile a quello del truffautiano Antoine e Colette (1962). La prima parte, che mostra l’assolutizzazione dell’amore tipica della gioventù, trova un correttivo nel colloquio fra il ragazzo e la donna matura (cioè di poco più di vent’anni), che con pacatezza e buon senso cerca di educarlo a gestire i propri sentimenti; ma va sottolineata anche la confezione non banale, con fulminei flashforward che riflettono i desideri allucinati del protagonista.
jonas
---

L’amore fugge, soprattutto negli adolescenti: lo aveva già detto Truffaut e Olmi lo ribadisce, raccontando i facili turbamenti sentimentali di un sedicenne vivace e romantico. Lo stile registico persegue l’autenticità attraverso i dialoghi, freschi e spontanei come gli attori che li pronunciano, e il forte risalto sull’ambientazione milanese, ma guarda anche a tecniche più sperimentali, innestando flash con le possibili situazioni immaginate dal giovanissimo protagonista. Come ne Il posto, un altro capodanno triste per ragioni amorose.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: A scuola; il metodo della “lista”, «concetto industriale applicato agli svaghi»; Andrea che gira il film con gli amici.
Homesick

In una nebbiosa Milano di fine d'anno, dove i taxi sono la Seicento Multipla e i tassisti si affidano alle rotaie del tram per trovare la via, Andrea, quasi sedicenne, ha le sue teorie sull'amore, che vedrebbe organizzato industrialmente, per eliminare i tempi morti del corteggiamento. Cambia in fretta i suoi pensieri quando è alle prese con la sua prima cotta per Janine. Perfetta la descrizione dei sentimenti giovanili anche grazie ad un bravo L. Piergiovanni (Andrea) e alle sue immaginazioni. Divertenti gli adulti in sottofondo.
Saintgifts

2 comentarios:

  1. que placer música de Fellini (de Nino Rota pero la identificamos con el ran Fellini, insuperable!) qué hermoso escucharla al abrir el blog.
    FELIZ NAVIDAD Amarcord te abraza, ana

    ResponderEliminar
  2. Gracias por este Olmi, Amarcord

    ResponderEliminar