ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




domingo, 4 de noviembre de 2012

Lezioni di cioccolato - Claudio Cupellini (2007)


TÍTULO ORIGINAL Lezioni di cioccolato
AÑO 2007
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Italiano e Inglés (Separados)
DURACIÓN 99 min.
DIRECTOR Claudio Cupellini
GUIÓN Fabio Bonifacci, Christian Poli
MÚSICA Teho Teardo
FOTOGRAFÍA Giovanni Cavallini
REPARTO Luca Argentero, Violante Placido, Neri Marcorè, Hassan Shapi, Carlo Giuseppe Gabardini
PRODUCTORA Cattleya
PREMIOS 2007: Premios David di Donatello: Nominada Premio David de la Juventud
GÉNERO Romance. Comedia | Comedia romántica. Cocina

SINOPSIS Mattia, topógrafo profesional de 32 años de Perugia, está en problemas porque Kamal, un obrero egipcio que trabaja sin un contrato laboral en uno de los terrenos a su cargo, se lesionó a causa de las pocas condiciones de seguridad, y por ello podría enfrentarse a una demanda. A cambio de su silencio, Kamal le propone a Mattia que tome su lugar en el curso de pastelería al que asiste para abrir su propio negocio. Para poder obtener el dinero suficiente al final del curso, Mattia se ve obligado a disfrazarse de inmigrante para elaborar la receta de un nuevo chocolate... (FILMAFFINITY)

Enlaces de descarga (Cortados con HJ Split)
http://www47.zippyshare.com/v/38300423/file.html

Piccoli momenti di estasi
Mattia è un giovane geometra rampante di provincia, anaffettivo nella vita privata, pieno di sé e somigliante a Fabrizio Corona, col codino impastato di gel e gli occhialoni fumè. Gioca a golf per incontrare le persone che contano, potenziali futuri clienti, e conduce la sua attività sfruttando mano d’opera in nero per ristrutturare vecchi casali. Sullo sfondo Perugia e la campagna umbra. Tutto cambia quando Kamal, manovale egiziano di mezz’età, cade dal tetto di un cantiere, fratturandosi in più punti. Con un repentino ribaltamento di ruoli, ora Kamal ha in pugno il suo datore di lavoro, terrorizzato dalle conseguenze di una possibile denuncia.
Kamal, già pasticciere in Egitto, sogna di poter fare lo stesso mestiere anche in Italia e si è iscritto ad un corso per imparare l’arte del cioccolato ma ora, con busto e braccia ingessati, non può frequentare le lezioni. Mattia, disposto a qualsiasi cosa pur di non essere denunciato, diventa Kamal: cambia look e si trasforma in un immigrato egiziano che gira su un’automobile scassata e usa un cellulare tenuto insieme con lo scotch. Disastrosamente, inizia il difficile apprendistato di cioccolatiere, per poter poi insegnarne i segreti al suo manovale. Una doppia vita per il giovane geometra, piena di difficoltà, accidenti ma anche di piacevoli sorprese.
Ancora un film per gourmet: dopo le magie culinarie dello splendido Remy, il topo di Ratatouille, e le meravigliose torte di Waitress - Ricette d’amore, arriva nelle sale Lezioni di cioccolato, dell’italiano Claudio Cupellini, al suo primo lungometraggio, con una dolce e tenace Violante Placido, con Neri Marcorè, nella parte del guru del cioccolato e Luca Argentero e Hassani Shapi in quelle di Mattia e Kamal. Coprotagonista il cibo degli Dei, lavorato e sposato ad aromi e sapori diversi per creare “attimi di estasi”, come dice il maestro.
Un piccolo, delizioso film che fa sorridere e che, con leggerezza, dà ceffoni ai trentenni arrivisti e ai professionisti senza scrupoli amanti dei campi da golf. Ci riconosciamo nella maleducazione di chi non ha mai tempo e scopriamo, con le pungenti e divertenti battute di Kamal, il punto di vista di chi ci vede da fuori. Cupellini ci racconta come gli stereotipi si generino dalla non conoscenza dell’altro. Per superare le nostre evidenti o serpeggianti intolleranze occorre imparare ad apprezzare combinazione di sapori conosciuti e sconosciuti. Così nascono i veri capolavori del gusto, come la sorprendente ricetta vincitrice della gara finale del corso per mastro cioccolatiere. Lezioni di cioccolato è una gradevole commedia che mette di buon umore facendo anche un po’ pensare.
Fabrizia Centola
http://www.nonsolocinema.com/stampa8212.html
---
Sinossi
Un tetto in una giornata di sole. Un comignolo con una corda legata. L’altro capo è fissato alla cinta di un manovale egiziano, Kamal (Hassani Shapi), che cammina incerto sulle tegole traballanti. Di sotto, nel prato davanti al cantiere, dieci palline da golf in fila. Mattia (Luca Argentero), il titolare della piccola impresa edile, si allena per agganciare nuovi clienti al golf club. Bello, simpatico e un po’ cialtrone Mattia colleziona donne, auto e vestiti firmati e manifesta una spiccata allergia ad ogni tipo di responsabilità. Tranne che al lavoro dove il suo motto è, con buona pace del suo fedele amico e sottoposto Osvaldo (Vito Bicocchi), “qualità al minor costo”. Ma minor costo significa lavoro nero e poca attenzione alla sicurezza e puntuale arriva la tragedia: la corda si spezza e Kamal cade dal tetto.
Alcuni giorni dopo. Un Kamal con entrambe le braccia ingessate riceve Mattia nella sua umile casa. Questi, divorato dall’ansia, vuole sapere cos’abbia detto il suo manovale a proposito dell’incidente. Con il suo irresistibile italiano di fortuna Kamal racconta a Mattia del suo passato di pasticcere in Egitto e del suo sogno di fare dolci in Italia. Poco prima dell’incidente è stato selezionato per un corso in una scuola del Cioccolato. Poi detta le terribili condizioni per il suo silenzio: ora che ha le braccia rotte Mattia dovrà assumere la sua identità e frequentare il corso al posto suo. E con il massimo profitto, altrimenti lo denuncerà.
Mattia, indossati gli umili panni di Kamal, si presenta al corso convinto che se la sbrigherà con poca fatica. Per il corso, organizzato da una grande azienda dolciaria, sono stati scelti 6 gourmet dilettanti ma già esperti che, guidati da un Maestro d’Arte Cioccolatiera (Neri Marcoré), impareranno a inventare cioccolatini. Il migliore vincerà un finanziamento per aprire una cioccolateria. A darsi battaglia, a colpi di gag e cioccolato, il siciliano trendy-choc Corrado (Josefia Forli), il burbero veneto Milo (Matteo Oleotto), la zitella d’assalto Letizia (Monica Scattini), il vulcanico Luigi (Francesco Pannofino).
Per l’inesperto Mattia, che non fa che combinare un disastro dietro l’altro, è l’inizio di un incubo. Come se non bastasse dover indossare i panni di un immigrato musulmano, per mettersi in pari con gli altri deve lavorare il doppio: imparare di giorno e ripassare di sera con la più brava del corso, l’affascinante Cecilia (Violante Placido). Senza contare Kamal, che ogni sera pretende da Mattia un resoconto completo su tutto ciò che ha imparato, Ugolini (Ivano Marescotti), il suo più importante cliente, che lo insegue per i preventivi di piastrelle e sanitari. Mattia è talmente esausto che quasi non si accorge che qualcosa dentro di lui ha cominciato a cambiare. L’iniziale repulsione per il cioccolato, per il corso, per la stessa Cecilia stanno cedendo il passo ad un certo coinvolgimento. E a ciò non è estraneo il rapporto sempre più stretto che va instaurando con Kamal, con cui ha stabilito un rapporto - tra equivoci e gag d’ogni sorta - da autentica “strana coppia”.
Ora tutto gira nel migliore dei modi. Mattia e Cecilia vivono con grande trasporto una travolgente storia d’amore e, con un incredibile colpo di fortuna, una colluttazione tra Mattia e Kamal genera un favoloso cioccolatino italo/arabo da primo premio. Ma il destino è in agguato per rovinare il fragile equilibrio su cui poggia il gioco di Mattia. Smascherato, Mattia viene espulso dal corso e ripudiato senza appello da Cecilia. Quando tutto sembra perduto, tuttavia, Mattia vede venire in suo soccorso la persona che meno si sarebbe aspettato. Kamal. E’ lui che scende in campo in prima persona e che, raccontando pubblicamente la sua storia, dà a Mattia la possibilità di riabilitarsi in un imprevedibile finale…
http://www.cinemaitaliano.info/lezionidicioccolato

Proseguendo nella tradizione di film molto più riusciti di questo (vedi soprattutto “Chocolat” con la coppia Binoche-Depp o “La fabbrica di cioccolato” di Tim Burton), torna sul grande schermo uno dei dolci più amati al mondo.
“Lezioni di cioccolato” di Claudio Cupellini (al debutto dietro la cinepresa) non è niente di più di una simpatica commedia italiana con buoni sentimenti e un occhio al sociale (la sicurezza sul lavoro, il confronto culturale fra datore di lavoro italiano e operaio extracomunitario).
Il protagonista della storia, l’imprenditore edile Mattia (Luca Argentero), per evitare la denuncia dell’operaio egiziano Kamal (Hassani Shapi), accetta di prendere il suo posto in tutto e per tutto; in particolare oggetto del “ricatto” dell’operaio è la partecipazione di Mattia ad un corso per maestri nell’arte del cioccolato fingendosi lui (Kamal infatti in Egitto era un pasticciere molto stimato, e per riuscire a farsi una carriera anche in Italia ha bisogno di un diploma per la produzione di cioccolato).
Inizialmente molto restio a partecipare, col passare delle lezioni Mattia prenderà via via gusto alla sfida, stimolato anche dalla compagnia nel corso di Cecilia (Violante Placido) che accetta di fargli da tutor. Obbligato a mettersi totalmente in discussione, Mattia scoprirà una nuova passione (per il cioccolato), troverà l’amore (con Cecilia), e ritroverà se stesso.
Si fa notare soprattutto la presenza di Hassani Shapi (già interprete dello “Jedi” in Star Wars Episodio I: La minaccia Fantasma), bravo nelle sue pantomime un po’ clownesche dell’immigrato sfruttato ma anche furbo, affiancato da un cast che tutto sommato si fa apprezzare: soprattutto il protagonista Luca Argentero, bravo nel triplo ruolo di cinico imprenditore edile, operaio egiziano e cioccolataio, uno dei tanti balzato sotto le luci dei riflettori grazie ad un reality televisivo (2003, terza edizione de “Il grande fratello”), che però in pochi anni è riuscito a introdursi nel mondo dello spettacolo che conta, prima facendo parte del cast della fiction “Carabinieri”, poi nel 2005 debuttando al cinema con Francesca Comencini e infine consacrandosi con un discreto ruolo in “Saturno contro” di Ferzan Ozpetek. Non male anche Violante Placido, credibile nei panni di una complessata compagna di corso di Mattia.
Nell’insieme è un film che si può vedere, senza grandi aspettative.
Cristiano Fieramonti
http://www.sentieridelcinema.it/recensione.asp?id=739

16 comentarios:

  1. Ciao Amarcord, manca il file 12 e sottotitulo,in italiano,un abbraccio e grazie mile...!!!

    ResponderEliminar
  2. Hi Amarcord. I am also unable to download part 12 or either of the subtitles.

    ResponderEliminar
  3. En efecto Amarcord, el enlace 12 y los subtítulos no funcionan

    Y gracias como siempre por tu gran trabajo

    ResponderEliminar
  4. Hello, coincido y si puede resubalo,
    parece muy buena la pelicula.
    Siempre me doy una vueltita por su blog. Muy bueno
    Gracias por su esfuerzo.
    LUGO

    ResponderEliminar
  5. Gracias Amarcord, todo bien ahora. Completado perfectamente

    Saludos

    ResponderEliminar
  6. Ciao, Amarcord!

    Lo primero darte la enhorabuena por este blog.
    ¿Podrías volver a subir los enlaces de esta película?
    Gracias!!

    ResponderEliminar
  7. Este comentario ha sido eliminado por el autor.

    ResponderEliminar
  8. Hola Amarcord! Muchisimas gracias por compartir tantas películas!!
    Podrias resubir los enlaces y los subtítulos? Desde ya muy agradecido. Saludos!

    ResponderEliminar