ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




sábado, 22 de junio de 2013

Gli amici del bar Margherita - Pupi Avati (2009)


TITULO ORIGINAL Gli amici del bar Margherita
AÑO 2009
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Español (Separados)
DURACION 90 min.
DIRECCION Pupi Avati
GUION Pupi Avati
MUSICA Lucio Dalla
FOTOGRAFIA Pasquale Rachini
REPARTO Diego Abatantuono, Laura Chiatti, Luigi Lo Cascio, Fabio De Luigi, Luisa Ranieri, Neri Marcorè, Pierpaolo Zizzi
PRODUCTORA Duea Film
GENERO Comedia. Drama

SINOPSIS Un grupo de personajes marcados por las privaciones y la miseria de la postguerra, pero que empiezan a beneficiarse de los primeros efectos del boom económico italiano de los 60, se reúnen habitualmente con ánimo alegre y desenfadado en un bar al que las mujeres no pueden entrar. (FILMAFFINITY)




Il tempo scorre e spesso i ricordi sono il valore più importante che resta.Pupi Avati sembra far tesoro dei suoi ricordi e li trasporta in questo suo film come a non volerli dimenticare e a dar loro un impronta indelebile e allo stesso tempo piacevole.

Tra i tavoli del bar Margherita nascono i sogni del diciottenne Taddeo di diventare anche lui uno dei frequentatori del bar e allo stesso tempo occuparsi dei suoi desideri adolescenziali nei confronti di una sua coetanea del quale si è invaghito. In una sera di pioggia riesce ad agganciare Al (Diego Abatantuono), uno dei frequentatori del bar, e ne diventa l’autista. Così pian piano entra nel mondo di questi ” eroi sciocchi“, come Avati stesso li definisce. Per narrare il loro mondo oltre a Taddeo, che ne è la voce narrante utilizza anche un cineoperatore che , quasi a voler ricordare il mestiere di avati stesso, documenta i principali avvenimenti che hanno luogo nel bar. Il film , dopo una forse un pò prolissa introduzione ai personaggi, tratta le disavventure di questi sfortunati protagonisti che godono di grandi sogni ma alla fine finiscono per restar chiusi nel loro santuario maschile del bar ad esprimerli e condividerli. Ci sono cantanti da strapazzo (Fabio De Luigi) che sognano di andare a Sanremo proprio con una canzone sul bar, o ladruncoli siciliani (Luigi Lo Cascio) che rivendono automobili rubate e che nascondono le loro perversioni sotto la malattia della ninfomania. Ed è proprio Luigi Lo Cascio e il suo personaggio a donare a questo film quel tocco di novità che serviva ad un film di Pupi Avati, che forse senza lui sarebbe risultato  essere il solito nostalgico film con i suoi attori “feticcio”. Il suo Manuelo con una ironica irriverenza (e una risata indimenticabile) sa far ridere e regala un personaggio-macchietta molto diverso da tutti gli altri, sia per dialetto che per abitudini, ma del quale tutti comunque sentono la mancanza durante la sua assenza. Ad esprimere poi quel tipico senso di inadeguatezza che sempre vuole contraddistinguere i film di Avati ci pensa Neri Marcorè e il suo Bep , un timido frequentatore del bar che di innamora di una avvenente intrattrenitrice di un night club (Laura Chiatti) per sfuggire al matrimonio della fidanzata despote. Un film decisamente dalla parte degli uomini che relega le donne al ruolo di fredde usurpatrici che sfruttano i sogni degli uomini per trarne profitti economici o sociali. Anche se forse fin troppo vittimistico e schiavo del disadattamento maschile il film di Avati si sorregge sull’ innovazione apportata da De Luigi e Lo Cascio e fa dei punti più deboli le interpretazioni di Abatantuono e della Ricciarelli, sempre un pò sopra le righe e sempre un pò artefatti come personaggi. Il risultato finale è più che gradevole anche se in taluni casi fin troppo “Avatizzato” e nostalgico.
http://cineocchio.altervista.org/wordpress/2009/04/04/gli-amici-del-bar-margherita-2009-di-pupi-avati/

Acabo de terminar de ver la película Gli Amici Del.Bar Margherita (Los amigos del Bar Margarita). Cuando encuentro una buena película italiana me da un placer muy grande -es como fumarme un buen puro- aunque se que con mi mala memoria visual en unos días más no me voy a acordar de que se trataba.
Veo con gusto que el cine italiano sigue sacando buenas películas después de su época de oro, en el neorealismo de los cincuentas. Esta película es del año 2009, el director es Pupi Avati (no tengo idea quien será) y tiene un guión excelente que recrea algunos de los temas favoritos de los italianos: la amistad, la familia, las desilusiones y el amor sincero.
Una excelente película, tiempo atrás vi un mamarracho que se llamaba La Vida es Bella, un culebron cursi que me enfureció tanto que dejé de verla en la mitad, convencido que el cine italiano se había corrompido completamente, por suerte no es así, todavía se hacen buenas películas y sobre todo buenos guiones. Lo mejor de ese cine es que son buenas historias, parece que en ningún otro país del mundo interesan mucho los guiones, hacen puras historias básicas y películas para retrasados.
Buscando alguna imagen para colocar en esta entrada me encuentro que la película completa está en Youtube y se puede ver aquí, véanla si pueden, la recomiendo sin reservas.
El tema del bar es universal, también puede ser un café o un restaurant. Recuerdo que Ettore Scola filmó a fines de los noventa La Cena, una película prácticamente sin argumento, armada de las conversaciones durante dos horas entre la gente que va a comer regularmente a un restaurant, gran película.
El bar es una institución humana entrañable, hay bares a los que le tengo más cariño que a muchas personas. En Ancud durante los años setentas el bar del pueblo se llamaba La Golosina y era regentado por una gorda italiana, cuyo antipático hijo una vez amenazó con pegarme. Doña Gina era un personaje con corazón de oro y en La Golosina nos encontrábamos todas las noches desde el gobernador hasta el último pelagato. Creo que en Ancud también está el bar con mejor nombre que he conocido, se llama Ven a mí.
En Arica a fines de los setentas había un bar -creo que todavía existe con otro nombre- que se llamaba Lusitania, era un lugar bravo con mucha droga y peleas a cuchillo, como las de esos años. Solo conocí brevemente a la fuente de soda más popular de los setentas que se llamaba -si mal no recuerdo- Casanova, estaba en los altos de 21 de Mayo y Baquedano. En los ochentas el bar Bavaria, que era un fumadero de pasta base y el recordado Drive-In Cuchi-Chuchi.
Es increíble como nos hemos infectado de moralismo a partir de los noventas, durante los militares se podía tomar en el auto sin problemas, se podía fumar y el consumo de drogas era más o menos tolerado mientras no existiera violencia o pandillaje, apenas llegó la alegría empezaron a aparecer los malditos santurrones que hoy nos tienen acorralados. Y lo curioso es que son de izquierda y de derecha. Malditas sean sus madres, mil veces malditas.
Pero me estoy desviando del tema principal que es por qué nos gusta ir al bar. Bueno, cuando uno conoce a la dueña y van siempre los mismos es como ir a un club donde se puede perder el tiempo conversando tal como conversamos en este club de ociosos, con la diferencia que en el bar lo hacemos levemente -y a veces fuertemente- narcotizados por el alcohol, todo lo vemos más claro y más bonito.
Mi amigo McDonnell como buen irlandes es hombre de bar, de hecho trabajó en un after hour en Londres un par de años y me decía que los bebedores serios están esperando en la puerta a las 8:30 de la mañana a que el bar abra las puertas. El me llevó al bar de Doña Mechita en el Mercado Colón, que es uno de los más tradicionales de Arica, donde la mayoría de los clientes van desde hace 30 o más años, casi todos los días. A mi me gustó mucho pero dejé de ir porque me pareció medio adictivo, y creo que con los vicios que ya tengo es más que suficiente.
Pensándolo bien este blog es como mi bar virtual y unas pocas veces, cuando me pillan mal parado, hablo (más bien escribo) demasiado y se me pasa la mano, igual que si estuviera un poco borracho, pero eso pasa solo de vez en cuando. Si solo se pudiera transferir cerveza por Internet creo que podría convertir esto en mi bar ideal. En fin, tendremos que esperar hasta que la tecnología esté a la altura de nuestras necesidades. Por mientras los invito a ver la excelente película que les dejé el link y si la ven completa tal vez entiendan por que me dio por escribir estas tonteras.
Tomas Bradanovic
http://bradanovic.blogspot.com.ar/2012/08/los-amigos-del-bar-del-ocio.html


Dopo la parentesi assolutamente sopravvalutata, sia dalla critica che dal pubblico de Il papà di Giovanna, con Gli amici del bar Margherita Pupi Avati torna al tipo di cinema che più gli si addice: quello corale, in cui una verità di personaggi e di situazioni definiscono,tratteggiano un momento storico del nostro paese. Questa volta siamo negli anni ’50, più precisamente nel 1953, e la storia del film racconta del gruppo di “vitelloni” che bazzicano ogni sera il bar che da il titolo al film. Uomini apparentemente rotti alla vita, come il “boss” del gruppo, un divertente e divertito Diego Abatantuono; in realtà persone confuse, fragili, che si presentano sia come protagonisti che come vittime dell’ipocrisia e del perbenismo di quell’epoca.
Il grande pregio del film di Avati è quello di equilibrare con una discreta lucidità sia il tono nostalgico del racconto d’epoca che uno sguardo più disincantato e critico su una società maschilista, retrograda ed anche esplicitamente misogina. Sia ben chiaro, non stiamo parlando di un film di indagine storica e sociale dai contenuti e dall’analisi tagliente: il regista ormai si è assestato sui binari di un cinema medio, che presenta una confezione ed un’idea di messa in scena che difficilmente raggiungono picchi di bellezza cinematografica oppure rovinano in sciattezze estetiche. Anche Gli amici del bar Margherita conferma questa tendenza, ma muovendosi su un terreno ampiamente conosciuto e quindi gestibile dal cineasta, riesce nel tentativo di piazzare almeno un paio di scene di ottima fattura, condite per di più da interpreti in vena: su tutte, la divertentissima sequenza di seduzione tra l’”ingenua” studentessa Laura Chiatti ed il bonario Neri Marcoré, scritta con dialoghi frizzanti e recitata con divertimento.Tra i molti attori che compongono il cast vogliamo invece sottolineare la bella prova di Luigi Lo Cascio, alle prese con un ruolo fortemente caratterizzato, che rimodella secondo una degna vena istrionica.
Spigliato, divertente, acido nel sottolineare con puntualità il falso moralismo della società italiana degli anni ’50, Gli amici del bar Margherita è probabilmente il miglior film di Pupi Avati da alcuni anni a questa parte. Non che questo significhi aver realizzato un capolavoro assoluto, ne siamo ben lontani: ma rispetto a tanti quadretti stereotipati e vagamente inermi che il regista spesso ha tirato fuori, e che invece sono riusciti ad ingannare il gusto soporifero di molta critica nostrana, questo film almeno possiede almeno una dose sufficiente di freschezza ed originalità.
Adriano Ercolani
http://www.comingsoon.it/News_Articoli/Recensioni/Page/?Key=711

Pupi Avati, Laura Chiatti, Diego Abatantuono e Luigi Lo Cascio
parlano di Gli amici del bar Margherita

Rispetto al precedente, l’acclamato Il papà di Giovanna, il nuovo film scritto e diretto da Pupi Avati si presenta come un’opera decisamente più corale, dove al centro della storia c’è un diciottenne che diventa testimone delle vite dei principali frequentatori del locale che dà il titolo al film. “Per mia indole sono un regista che si torva a proprio agio più con le vicende corali – confessa Avati -, in cui magari qualche personaggio rappresenta il mio punto di vista, o meglio quello che avevo avendo vissuto il periodo storico che racconto. Anche se a livello di equilibrio di sceneggiatura è un’operazione molto più difficile e delicata, il risultato però mi dà molte più soddisfazioni”. Tra le figure principali del film quella di Al, il campione di biliardo che in qualche modo è il boss del gruppo del bar Margherita. Ad interpretarlo Diego Abatantuono, al suo sesto film con Avati, una collaborazione che ormai dura da quasi venticinque anni. “Eppure il rapporto è sempre lo stesso – ride Abatantuono – lui continua a chiamarmi, non so perché, e per me è ogni volta un grande piacere lavorare con Pupi. Ormai ci intendiamo a meraviglia, so esattamente cosa dargli come attore lui mi regala sempre personaggi sfaccettati, che è molto divertente sia interpretare che costruire a poco a poco sul set”. “Già – conferma Avati – Diego è l’unico che ha la possibilità di improvvisare qualche battuta, di uscire in alcune scene dai dialoghi scritti in sceneggiatura” “Tanto poi quello che non riesco a dire dentro un ciak lo posso poi tirare fuori a macchina spenta!” conclude Abatantuono.
Altri interpreti de Gli amici del bar Margherita, oltre a Fabio De Luigi, Neri Marcoré, Luisa Ranieri ed il giovane Pierpaolo Zizzi, sono Laura Chiatti e Luigi Lo Cascio, che all’interno del mosaico di figure hanno le parti più divertenti. Laura ha la scena più divertente, quella della seduzione nei confronti di Marcoré: “La scena in effetti è stata molto divertente, sia per come è venuta che nella sua realizzazione – dice la Chiatti – Già quando l’avevo letta in sceneggiatura mi è parsa subito esilarante, quindi non c’è stato bisogno d’altro che di interpretarla così come era scritta. Quello che ho potuto aggiungervi è stata una sorta di spontaneità dovuta al fatto che sul set Pupi Avati ti mette talmente a tuo agio da permetterti di recitare in maniera del tutto sciolta e rilassante. Cosa che per un’attrice ancora inesperta come me è fondamentale”. E come si è mosso invece Luigi Lo Cascio dentro il ruolo sicuramente più istrionico e sopra le righe tra tutti quelli scritti? “Beh, non poteva che essere divertente. Quando devi costruire un personaggio centrale ma con poche scene, o almeno con un numero minore rispetto ai protagonisti, devi concentrare il suo percorso narrativo e renderlo più vivo possibile. Attraverso una serie di caratteristiche del personaggio che insieme a Pupi abbiamo deciso di accentuare, credo che siamo riusciti insieme a renderlo sia veritiero che spassoso”.
Queste in breve le dichiarazioni dei protagonisti e del realizzatore de Gli amici del bar Margherita, presentato oggi alla stampa in un’atmosfera primaverile e serena, degna dei toni leggeri e briosi con cui è stato ideato il film.
Adriano Ercolani
http://www.comingsoon.it/News_Articoli/Interviste/Page/?Key=709


2 comentarios: