ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




domingo, 30 de junio de 2013

Viaggio con Anita - Mario Monicelli (1979)


TITULO ORIGINAL Viaggio con Anita
AÑO 1979
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS No
DURACION 120 min.
DIRECCION Mario Monicelli
GUION Tullio Pinelli
MUSICA Ennio Morricone
FOTOGRAFIA Tonino Delli Colli
REPARTO Goldie Hawn, Giancarlo Giannini, Claudine Auger, Aurore Clément, Laura Betti, Andréa Ferréol, Claudio Capri, Geoffrey Copleston, Guerrino Crivello, Carlos de Carvalho, Lorraine De Selle, Sergio Forconi
PRODUCTORA Produzioni Europee Associati (PEA)
GENERO Comedia. Romance | Road Movie

SINOPSIS Guido Massacesi, un hombre casado y con un hijo de diez años, debe trasladarse al norte de Italia a visitar a su padre, gravemente enfermo. Decide llamar a una antigua amiga para que le acompañe durante el viaje, pero ésta prefiere no ir y que su amiga Anita aproveche la ocasión. Anita es una turista americana que acepta inocentemente viajar con un desconocido, a condición de poder ver la torre de Pisa antes de abandonar Italia. (FILMAFFINITY)



TRAMA:
Guido Massaccesi, dirigente bancario romano, informato dalla sorella Oriana che il padre Armando è gravemente infermo, lascia la moglie Elisa con il figlio e parte in macchina per raggiungere Rosignano Solvay, paese natale. Deciso a compiere il viaggio in dolce compagnia, Guido si reca nell'appartamento di Jennifer, amante che non vede da mesi. Il netto rifiuto della stessa a seguirlo lo induce a prendere con sè Anita Watson, una 26enne americana, occasionalmente e temporaneamente venuta a Roma per ritrovare un architetto italiano conosciuto a Chicago ove ella abitualmente lavora presso l'università. La ragazza, tenuta all'oscuro da Guido sul vero motivo del viaggio, inizialmente reagisce capricciosamente alle prepotenze del compagno e provoca un incidente stradale. Dopo una sosta ad Orbetello, i due legano maggiormente e compiono una capatina alla deserta Isola del Giglio. Giunti nei pressi di Rosignano Solvay dove nel frattempo Armando è spirato, assistito dalla moglie Adelina e dai figli Teo, Omero e Oriana, l'incosciente Guido scarica Anita presso una pensioncina e raggiunge la famiglia. Dopo aver fatto amicizia con la centralinista Sandra e dopo aver invano atteso delle spiegazioni sullo strano comportamento di Guido, Anita scopre casualmente la verità e lo raggiunge mentre il funerale sta per avviarsi al camposanto. L'arrivo dell'americana provoca uno scandalo del quale Guido si vendica rivelando la presenza di Noemi, una donna amante del defunto da 18 anni. La Watson rifiuta i tentativi di conciliazione con Guido e prosegue da sola alla volta di Pisa.
http://www.comingsoon.it/Film/Scheda/Trama/?key=15036&film=VIAGGIO-CON-ANITA


Federico Fellini sosteneva che si trattasse della sua migliore sceneggiatura. Si chiamava Viaggio con Anita, e non riuscì mai a portarla a realizzazione (lo fece Monicelli, nel ’79, a modo suo). L’unica copia del trattamento (scritto a quattro mani con Tullio Pinelli nel 1957, ma a cui contribuì anche Pier Paolo Pasolini) è inedita in Italia ed esiste solo in copia americana. Uno dei tre progetti irrealizzati (insieme a Viaggio a Tulun e Mastorna) che il regista riminese si pentì di non aver mai portato a termine ha ora ispirato Luca Magi e Antonio Bigini per Anita, mediometraggio di montaggio di immagini d’archivio (8mm, super8) e HD, commentato dalla voce fuori campo di Emidio Clementi dei Massimo Volume e impreziosito dalla tessitura sonora di Massimo Carozzi. Ricostruisce un percorso di paesaggi e incontri umani tra Toscana, Marche ed Emilia, accostati seguendo le suggestioni di quel soggetto, che prevedeva il ritorno a casa del protagonista Guido (insieme alla compagna Anita) a trovare il padre morente. Anita (un assaggio lo trovate qui) è oggetto filmico stravagante e straniante, che rievoca un tempo perduto, agreste e sospeso, tramite l’aggregazione di fotogrammi provenienti da fonti disparate, e ritrattati digitalmente con sensibilità grafica.
http://www.rollingstonemagazine.it/cinema/news-cinema/il-fellini-mai-realizzato-in-anita-a-filmmaker/

2 comentarios:

  1. Hola, primero que nada muchas gracias por todos los aportes; el cine italiano es maravilloso.
    Si pudieras conseguir subtítulos para esta peli sería genial. Soy un gran fanático de Monicelli.
    Saludos, gracias!!

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Nacho
      Lamentablemento no los encontré. Si aparecen o alguien los consigue: bienvenidos.

      Eliminar