ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




viernes, 8 de abril de 2011

Ferie D'agosto - Paolo Virzi (1995)


TITULO Ferie D'agosto
AÑO 1995
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS No
DURACION 100 min.
DIRECCION Paolo Virzì
GUION Francesco Bruni, Paolo Virzì
FOTOGRAFIA Paolo Carnera
ESCENOGRAFIA Sonia Peng
VESTUARIO Claudio Cordaro
MUSICA Battista Lena
MONTAJE Cecilia Zanuso
PRODUCIION Vittorio y Rita Cecchi Gori, Tiger Cinematografica
DISTRIBUCION Cecchi Gori Distribuzione - Cecchi Gori Home Video
PROTAGONISTAS Silvio Orlando, Sabrina Ferilli, Ennio Fantastichini, Laura Morante, Piero Natoli, Antonella Ponziani, Paola Tiziana Cruciani, Gigio Alberti, Silvio Vannucci, Rocco Papaleo

SINOPSIS  Ventotene, isola delle Pontine, sono a confronto in vacanza due gruppi di villeggianti, l'uno di sinistra, l'altro di destra. Hanno un comune denominatore: il disagio, una specie di infelicità di fondo che, in forme esistenziali o ideologiche, affiora qua e là. In P. Virzì – qui al suo 2° film dopo La bella vita – e nel suo sceneggiatore Francesco Bruni s'avverte la legittima preoccupazione di evitare il manicheismo che, però, talvolta sconfina nel buonismo e persino in propositi di par condicio. Qualche goffaggine sentimentale in una commedia amarognola che si vale di un'apprezzabile gioco di squadra. Il divieto ai minori di 14 anni (poi revocato) è ridicolo, un brutto segno dei tempi. Premio David di Donatello per il miglior film.



Una tribù famigliare di sinistra e una tribù famigliare di destra in vacanza s'incontrano di Ferragosto a Ventotene, l'isola sulla quale in passato i fascisti condannavano al confino gli antifascisti: e si scontrano, guardati da un adolescente con l'indifferenza sardonica di chi appartiene a un altro mondo. Ferie d'agosto di Paolo Virzì (come già Selvaggi di Carlo Vanzina) trasferisce al cinema quella divisione degli italiani in due blocchi nemici che pareva sparita dai tempi di Don Camillo e Peppone, che adesso invade giornali, televisioni e contrapposizioni elettorali, che viene estesa ad ogni scemenza trasformando il Paese in un teatrino parodistico. Ma la commedia, naturalmente, si nutre di stereotipi, di luoghi comuni, di idee ricevute: il regista, autore anche del soggetto e (con Francesco Bruni) della sceneggiatura, descrive all'inizio quelli di sinistra come li vedono o li immaginano quelli di destra, e quelli di destra come li pensano o li temono quelli di sinistra. La tribù famigliare di destra risulta composta dai bottegai Ennio Fantastichini e Piero Natoli (un armaiolo, un proprietario di profumeria), romani beceri, con belle mogli sontuose quanto Sabrina Ferilli, brutti figli grassi e maleducati: mangioni, teledipendenti e ignoranti; prepotenti armati di Beretta calibro 9 con silenziatore, che tengono accesi i motori della barca spargendo intorno carburante, che pisciano e buttano scorze di anguria in mare; cafoni chiassosi che confondono Russell e Rascel, adorano telefonini e karaoke; razzisti che sfottono un venditore ambulante africano, lo derubano e si divertono a sparargli addosso ferendolo. La tribù famigliare di sinistra risulta composta da coppie non sposate, dall'opinionista progressista Silvio Orlando con la sua compagna Laura Morante e la bambina di lei, da galleriste d'arte, attori frustrati, giramondo immotivati, lesbiche, ragazze enigmatiche: chitarristi, nudisti, amanti del folclore latino, fumatori di canne, naturisti senza televisione e senza luce elettrica, sentimentali che di notte suonano e cantano in coro impedendo alla gente di dormire, snob che vorrebbero bandire tutti gli altri dall'isola, democratici che trattano male le donne, legalitari rigidi pronti a ricorrere ai carabinieri. Tra simili tipi a una dimensione il conflitto è inevitabile. Litigano, si picchiano. Discutono, imparzialmente applauditi dagli abitanti dell'isola. “La gente come voi sta rovinando l'Italia”, accusa Silvio Orlando; “Ho lavorato tanto, ho un negozio, una casa, una famiglia unita, non mi sento inferiore a nessuno”, rimbecca Ennio Fantastichini; “Siete aridi, siete elitari, non riuscite a entrare in contatto neanche con l'uomo della porta accanto” è il rimprovero dell'adolescente alla tribù di sinistra. Le donne e i ragazzi sfuggono agli schemi e si lasciano sedurre dal nemico. Ma tutti, via via che la storia si sviluppa, somigliano sempre meno ai rispettivi luoghi comuni: quasi nessuno fa l'amore, l'armaiolo coltiva da anni una passione non corrisposta per la cognata, il profumiere sta andando in fallimento e ha il rimpianto perenne d'una carriera di cantante, le mogli vivono male accanto a loro, l'attore avverte con dolore che nessuno lo rispetta, il giramondo si rivela un fatuo donnaiolo, Silvio Orlando si sente schiacciato dalle proprie responsabilità e repressioni. Insomma, pare voler dire il film, la lacerazione, la differenza ostile, i due mondi e le due culture sono un'invenzione politico-culturale più che una realtà: sinistra o destra, i protagonisti sono tutti ugualmente infelici e scontenti, da italiani. La conclusione è malinconico-conciliante, non abusiva: da almeno cinquant'anni italiani che la pensano diversamente convivono, nonostante le gerarchie politiche o religiose abbiano teso a dividerli o a renderli nemici prima in nome dell'ideologia, adesso esclusivamente a vantaggio dei propri poteri.


La divertente commedia di costumi di Paolo Virzì, livornese, trentadue anni, già autore del premiato La bella vita, certo non è straordinaria, può incoraggiare una confusione tra stereotipi comici e psicologie reali, risulta a tratti un poco faticosa, ma a suo modo rispecchia l'Italia dei Novanta. Tra gli attori, Silvio Orlando, Ennio Fantastichini, Sabrina Ferilli, Laura Morante sono bravi come sempre, è notevole e simpatica Vanessa Marini: la sorpresa è il regista Piero Natoli, che recita molto bene l'infelicità, la frustrazione, la sensibilità sbadata e triste del negoziante di profumi, di destra per caso.
Lietta Tornabuoni
Da La Stampa, 6 Aprile 1996

8 comentarios:

  1. La parte 2 del film non è presente. E' possibile controllare, per favore? Grazie

    ResponderEliminar
  2. falta parte 2
    http://www.mediafire.com/?70r4bboer2d77xo
    Saludos

    ResponderEliminar
  3. Hola!!... primero gracias por todo el excelente material que subes, y sobre todo por Mediafire!!... oye, podrías resubir la segunda parte de esta pelicula... Saludos desde Chile.

    ResponderEliminar
  4. Colocados nuevos enlaces en Mediafire. (Espero que duren)

    ResponderEliminar
  5. Hola Amarcord,
    Vuelvo con mis pedidos, esta vez con dos: Esta obra de Virzì y "Metello", del maestro Bolognini.
    Ojalá se pueda.

    Saludos,
    A.

    ResponderEliminar