ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




martes, 10 de abril de 2012

Sud - Gabriele Salvatores (1993)


TÍTULO ORIGINAL Sud
AÑO 1993
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS No 
DURACIÓN 86 min. 
DIRECTOR Gabriele Salvatores
GUIÓN Franco Bernini, Angelo Pasquini, Gabriele Salvatores
MÚSICA Federico De Robertis
FOTOGRAFÍA Italo Petriccione
REPARTO Silvio Orlando, Francesca Neri, Gigio Alberti, Claudio Bisio, Antonio Catania, Marco Manchisi
PRODUCTORA Penta Film / Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica / Colorado Film Production
PREMIOS 1993: Premios David di Donatello: Mejor sonido. 3 nominaciones
GÉNERO Drama | Mafia. Política

SINOPSIS Durante las elecciones generales italianas, un grupo de parados sin esperanza ocupa un colegio electoral para protestar y denunciar la implicación del candidato Cannavacciuolo en los negocios de la mafia. Lucía, la hija de éste, es tomada como rehén por el grupo. Una acción tan inesperada atrae la atención de los medios de comunicación, incluso la gente empieza a apoyar al grupo. (FILMAFFINITY)


Sud è un celebre film di Gabriele Salvatores, uscito nelle sale nel 1993.  Interpretato da Silvio Orlando e da Francesca Neri, questa pellicola narra le vicende di un piccolo centro siciliano alla vigilia di un’importante votazione. Sembra tutto pronto per il regolare svolgersi del meccanismo elettorale, quando improvvisamente irrompono nel paesino dei forestieri alquanto particolari e malintenzionati. Si tratta di tre cittadini italiani e di un eritreo che, armi alla mano, decidono di occupare la scuola del paese nel quale si svolgeranno l’indomani le elezioni.  Nella stessa scuola è presente la figlia di un candidato locale, Cannavacciuolo, colluso con la camorra e ritratto nella sua propensione ad imbastire brogli elettorali ai danni del libero e regolare svolgimento di quello che sarà il meccanismo di sfoglio dei voti.
Inizia un’iniziativa ad oltranza tra residenti, malintenzionati e Forze dell’Ordine, che alla fine riusciranno a far desistere i quattro malviventi, mentre la figlia del politico con un atto di coraggio deciderà di smascherare il padre consegnando ai Carabinieri una scheda che comprova la truffa operata.
Girato nel comune di Marzamemi, frazione del comune di Pachino sito in provincia di Siracusa ed affacciato sul mar Ionio, la pellicola di Salvatores riesce a dipingere una piccola realtà locale ripresa in un importante momento della sua vita associata e messa in scacco dal sopraggiungere del classico elemento esterno di confusione e instabilità, nel nostro caso rappresentato dai quattro malviventi.  Oggi la località di Marzamemi è un famoso centro turistico e balneare, animato da un’intensa vita nel periodo estivo. Località amena, nel quale è dato al visitatore di respirare un’atmosfera antica e attuale allo stesso tempo, cogliendo il ritmo costante della vita dei locali e allo stesso tempo avere modo di godere della dinamica movida comune a tutte le località costiere siciliane.
http://sicilia.cosavedere.net/luoghi-del-cinema/sud/


Si può arrivare a dover protestare, occupare un seggio elettorale, sequestrare persone e far uso di armi da fuoco per avere ciò che, secondo la Costituzione è un diritto che lo Stato deve garantire ad ogni cittadino, il lavoro. Nonostante la produzione sia affidata all'uomo che sembra essere più lontano alla causa dei sindacalisti, Berlusconi, il film rappresenta l'instancabile lotta dei cittadini del Sud Italia che cercano di ottenere un posto di lavoro per campare.

Salvatores ci mostra senza alcun filtro la realtà del sud Italia. Grazie alle ambientazioni estremamente realistiche che portano lo spettatore ad intuire addirittura l'aria che si respira. L'afa, la rena, il sole che fiacca tutto e tutti sono i suoi elementi costituitivi.
Grazie alle musiche che scritte da siciliani con ritmi meridionali e richiamano addirittura l'Africa, terra del reggae, e sono inni ai diritti dei lavoratori camuffati da canzoni melodiche e orecchiabili.
Ma è soprattuto la gente del sud, passionale e combattiva che non vuole rinunciare a ciò che dovrebbe avere per diritto e per questo è disposta addirittura a gesti estremi, che completa il quadro di questa pellicola.
Momenti di forte intensità e drammaticità, si mescolano al comico in una trama imprevedibile e avvincente. Un cast che, per la quasi totalità, regge il confronto con i film d'oltre oceano. Un tema costantemente attuale.
Eppure la beffa: il film è prodotto da un uomo che ignora ogni segnale da parte dei manifestanti italiani di ogni tipo. Forse perchè nel '93 Berlusconi non era ancora entrato in politica?
Una pellicola da vedere, ottima sotto ogni aspetto.
http://recensionifilm.altervista.org/index.php?option=com_content&view=article&id=103:sud-gabriele-salvatores&catid=34:recensioni-film&Itemid=27

5 comentarios:

  1. Hola Cine Italiano. Felicidades por el magnífico blog. Estoy interesado en tener esta película subtitulada al español para hacer un pase público y no la consigo por ningún medio. Sabes dónde la puedo conseguir o bajar? gracias

    ResponderEliminar
  2. Gracias por los enlaces. Sabes dónde puedo conseguir los subtítulos en español?

    ResponderEliminar