ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




viernes, 14 de enero de 2011

Centochiodi - Ermanno Olmi (2007)


TÍTULO Centochiodi
AÑO 2007
IDIOMA Italiano 
SUBTITULOS Español (incorporados y separados)
DURACIÓN 92 min.
DIRECTOR Ermanno Olmi
GUIÓN Ermanno Olmi
MÚSICA Fabio Vacchi
FOTOGRAFÍA Fabio Olmi
REPARTO Raz Degan, Luna Bendandi, Amina Syed, Michele Zattara, Damiano Scaini, Franco Andreani 
PRODUCTORA Cinemaundici / Rai Cinema
GÉNERO Drama

SINOPSIS Un joven y experimentado profesor de filosofía abandona su mundo de libros para ir a vivir a orillas del río Po, donde entra en contacto con la población local amenazada por la construcción de un puerto fluvial. (FILMAFFINITY)

Enlaces de descarga (Cortados con HJ Split)
 

La poetica spirituale nell'evangelico «Centochiodi» di Olmi

Ermanno Olmi, Il Poeta Solitario del cinema italiano, ci ha lasciato sempre intuire, in tutti i suoi film, il suo personalissimo anelito alla spiritualità. Sia, esplicitamente, rifacendosi ai Vangeli come in "Cammina, cammina..." o parafrasandoli come nella "Circostanza", sia, implicitamente, anche solo citando le guerre, l'odio, il perdono, la pace: come nel "Mestiere delle armi" e, di recente, in "Cantando dietro i paraventi". Oggi, arrivato al culmine di un itinerario narrativo che intende qui concludere per tornare al documentarismo delle sue origini, con un rigore ascetico e, nello stesso tempo, con una semplicità di accenti che ne fanno, pur in piena autonomia, il vero continuatore di Bresson, torna, ma con maturati e più sofferti propositi, alle parafrasi della "Circostanza". Così immagina che un giovane docente universitario di Filosofia delle religioni non solo abbandoni l'insegnamento ma trafigga simbolicamente con cento chiodi tutti quei libri della biblioteca che, nei secoli, non erano riusciti a dare sollievo alle miserie dell'uomo, al contrario, dato che oggi, in nome di quelli, ci sono i kamikaze e ieri ci sono stati i nazisti autori di mille atrocità con la scritta "Dio con noi" sui loro cinturoni. Così si spoglia di tutto, come San Francesco, e si ritira sulle rive di un fiume (è il Po) in un rudere che i contadini dei dintorni lo aiutano a riparare conquistati dalle sue parole quando enuncia loro certi episodi dei Vangeli o certe parabole che vi narrava Gesù, vedendolo quasi come un novello Gesù (lo chiamano, infatti, proprio così). Lui però non tarda ed essere raggiunto dalla polizia per la distruzione della biblioteca ed è condannato anche se, a un certo momento, ottiene gli arresti domiciliari. I contadini, che hanno sofferto della sua assenza si prestano allora a festeggiarne il ritorno, ma la strada illuminata e infiorata su cui lo attendono, resta vuota. La conclusione, infatti, per precisare ulteriormente la parafrasi, è ancora una volta quella dei Vangeli là dove, in Giovanni XIII-33, Gesù dice agli Apostoli: "Dove io vado, voi non potete venire".


Poesia pura. Con una natura e della gente attorno, dal vero, che sembra ricordarci "L'albero degli zoccoli", con quel personaggio al centro che ispira solo quiete e serenità, nonostante il gesto che inizialmente gli abbiamo visto compiere, con ritmi distesi in cui però la cronaca sa farsi canto, mentre le immagini sempre
limpidamente realistiche di Fabio Olmi vestono di magie misteriose quel quotidiano che sa diventare, ad ogni svolta, magia. Con la grandezza abbacinata dell'arte. Il protagonista, capelli e barba alla nazzarena, è Raz Degan, tanto interiore quanto dimessi e volutamente immediati sono i non professionisti che l'attorniano.
Gian Luigi Rondi
Da Il Tempo, 29 marzo 2007

8 comentarios:

  1. Lástima, estos links no responden

    Gracias igual: las películas de Olmi son muy difíciles de encontrar en la web

    Suerte en todo, magnífico el blog

    ResponderEliminar
  2. Cambiados todos los enlaces. Espero que duren.

    ResponderEliminar
  3. Gracias!
    Bajando ahora mismo
    Y vamos teniendo más acceso a la obra de un importante cineasta, poco difundido en América latina
    Abrazos y suerte en todo

    ResponderEliminar
  4. Agradecería repusieran los enlaces de esta interesante película. Un gran saludo.

    ResponderEliminar
  5. Alguien pudo bajar los nuevos links de esta película? a mí me aparece que zippy no los reconoce.

    ResponderEliminar