ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




domingo, 5 de febrero de 2012

Carosello Napoletano - Ettore Giannini (1954)


TÍTULO ORIGINAL Carosello napoletano
AÑO 1954
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Si (Separados)
DURACIÓN 129 min. 
DIRECTOR Ettore Giannini
GUIÓN Remigio Del Grosso, Ettore Giannini, Giuseppe Marotta
MÚSICA Raffaele Gervasio
FOTOGRAFÍA Piero Portalupi
REPARTO Sophia Loren, Maria Fiore, Paolo Stoppa, Tina Pica, Maria Pia Casilio, Vittorio Caprioli, Beniamino Gigli, Leonide Massine.
PRODUCTORA Lux Film
PREMIOS Premio internacional en el Festival de Cannes de 1954
GÉNERO Musical. Comedia

SINOPSIS Nápoles, año 1950. Un juglar que vive con su numerosa familia en un viejo carromato. Un golpe de viento esparce sus partituras, cobrando vida sobre un escenario teatral imaginario los argumentos de cada una de las canciones. Una inolvidable cabalgata por la historia de la pintoresca ciudad portuaria y con las mejores canzonetas napolitanas.(FILMAFFINITY)

Enlaces de descarga (Cortados con HJ Split)
http://www76.zippyshare.com/v/44002683/file.html

Trama
A Napoli, un cantastorie, che abita con la numerosa famiglia in una misera catapecchia, ne viene sfrattato e se ne va coi suoi per le vie della città, spingendo il pianino di Barberia, cui sono appese le canzoni. Un colpo di vento strappa via quei fogli. Le vicende del cantastorie e della sua famiglia, sempre in lotta col bisogno ed in attesa di tempi migliori, sono il filo conduttore, che congiunge secoli di storia, evocati dalle canzoni. Ecco una vicenda d'amore del tempo dei pirati barbareschi che finisce tragicamente, col suicidio della fidanzata del marinaio. Passano sullo schermo francesi e spagnoli, inglesi e americani: tutti uguali come Napoli è sempre uguale a sè stessa. Amore e violenza, guerra e dopoguerra, tradizioni e progresso, speranze e delusioni... tutto si risolve in poesia!... Elemento indispensabile, sempre amaro e dolente, ma senza perdere del tutto la speranza, il cantastorie continua il suo cammino: prima d'allontanarsi nella via battuta dal vento, accoglie nella sua famiglia un giovane cantante innamorato della figliola maggiore. Ripartono tutti insieme, inseguiti dalla musica...

Critica
."Uno dei primi e più validi esempi di 'Film Rivista' italiano (...). Il panorama che esso offre della multiforme società napoletana, dei tipi, dei caratteri, dei usi e dei costumi, è vario e colorito, e nell'ambito di uno spettacolo coreografico e rivistaiolo, abbastanza approfondito. Ci sono numeri scenette, episodi e balletti di classe, una recitazione sciolta e brillante". (Gianni Rondolino, "Catalogo Bolaffi del Cinema Italiano" 1945/1955).

Note
- DIRETTORE DI PRODUZIONE: BACCIO BANDINI.
http://cinema.libero.it/bd/schedafilm/8654/carosello-napoletano


Immenso film questo Carosello napoletano di Ettore Giannini. Un musical degno dei film americani degli anni '30 e '40 per le coreografie e per la qualità delle stesse. Un film che se fosse stato girato negli States si sarebbe gridato al miracolo e che in Italia non ebbe l'accoglienza meritata anche se vinse nel 1955 il Nastro d'Argento ma il pubblico non gli diede il giusto tributo. Al contrario all'estero fu apprezzatissimo per la sua fantasia e la perfezione d ogni sua partitura... Non a caso fu accolto in maniera trionfale a Cannes nel 1954 vincendo il Gran Premio della Giuria. Premio che gli aprì le porte francesi. Ed infatti dai nostri cugini d'oltralpe il film fu visto molto più che da noi ottenendo un successo senza limiti. Ciò non toglie che anche da noi ebbe una buona accoglienza, ma come detto molto apprezzato dalla critica e un po' meno dal pubblico, anche se ebbe degli ottimi incassi... Incassi che però non evitarono a Ettore Giannini di essere dimenticato dopo questo capolavoro assoluto che ancora oggi viene portato ad esempio di film di genere. Una sarabanda di colori, parole, movimenti. Balletti perfetti, canzoni appropriate, storia (forse troppo folkloristica) senza pecche che ripercorre la storia di Napoli attraverso dei "luoghi comuni" (tra i tanti Pulcinella) ma anche attraverso la Storia con la S maiuscola delle tante "dominazioni" che ha avuto Napoli. Quindi non solo un film bello da vedere e godimento degli occhi ma che riesce anche ad appagare la curiosità di sapere di più delle vicende di una città "stratificata" come Napoli. Una città straordinaria, dai mille rivoli e dalle mille anime. Una città mai paga ma che si rinnova di continuo. Una città dalle mille emozioni e mille sentimenti. Sentimenti che Ettore Giannini "riproduce" sullo schermo in modo esaltante. Carosello napoletano è una piccola lezione di cinema allegro e divertente ma che sa far anche riflettere e dare informazioni più profonde scavando nell'anima della gente...
E se questo non bastasse a incuriosire il potenziale spettatore aggiungiamo che fu il secondo film italiano a colori dopo il mitico Totò a colori. Ma se quest'ultimo era un film teso a far risaltare le qualità di un singolo qui il "colore" è più che mai appropriato e necessaria per restituire appieno quell'atmosfera unica di Napoli. Colori e suoni che si fondono in un grande spettacolo: sontuoso e magistrale...
http://www.zabriskiepoint.net/node/9927

9 comentarios:

  1. Bravo, bravissimo! Un splendido film quasi introvabile. Grazie mille.
    Da segnalare la splendida coreografia ( ed esecuzione!) di Leonid Massine, - altre che i cosidetti "ballerini" di oggi.

    ResponderEliminar
  2. Estimado Amarcord, los enlaces ya están fuera se línea
    Igual, gracias por tu gran trabajo.
    Saludos y suerte!

    ResponderEliminar
  3. gracias por tu excelente trabajo. por favor, subi a zippyshare los links de este lindo film. gracias. mario

    ResponderEliminar
  4. A riesgo de caer pesado, me sumo al pedido, pues la resubida quedó pendiente...
    Salud y suerte en todo!

    ResponderEliminar
  5. ¿Sería posible cargar de nuevo los enlaces de esta película?
    maskbauta

    ResponderEliminar