ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




jueves, 16 de febrero de 2012

No grazie, il caffè mi rende nervoso - Lodovico Gasparini (1982)


TITULO ORIGINAL No grazie, il caffè mi rende nervoso
AÑO 1982
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Español e Italiano (Separados)
DURACION 109 min.
DIRECCION Lodovico Gasparini
GUION Lello Arena, Michel Pergolani, Stefano Vespignani
REPARTO Lello Arena, Maddalena Crippa, Massimo Troisi, Anna Campori, Armando Marra, Carlo Monni, Sergio Solli, James Senese, Elio Polimeno, Antonio Sigillo, Mimmo Sepe, Corrado Taranto, Loris Zanchi, Alfredo Cozzolino, Vincenzo Sasso, Memo Dini, Nando Murolo, Sergio Meogrossi, Lucio Ciotola, Christoph Bauman
FOTOGRAFIA Pasquale Rachini
MONTAJE Antonio Siciliano
MUSICA James Senese
PRODUCCION Mauro Berardi para Yarno Cin.Ca
GENERO Comedia

SINOPSIS Gli organizzatori del "Primo festival nuova Napoli" tremano: le minacce d'un maniaco omicida, sedicente Funiculì Funiculà, si tramutano più volte in cruente realtà, finché qualcuno, posto sulle sue tracce e spalleggiato dalle forze dell'ordine, riuscirà a fermarlo inchiodandolo di fronte alle sue demenziali responsabilità. (Comingsoon)

Enlaces de descarga (Cortados con HJ Split)

Un mostro al festival della canzone napoletana! I giornalisti del Mattino sono in allarme! E' arrivata in redazione una lettera, dice: "Se invece delle melodie antiche eseguite musica rock, faccio una strage!". Come catturare il "mostro" e fare uno scoop? Semplice: attirandolo con un'esca. L'idea è di una fotografa disinibita e "venuta dal Nord". E chi farà da esca? Il più imbranato dei redattori del Mattino, Michele. Proprio l'uomo adatto: timido, napoletano, addetto alla pagina dei necrologi. Abbocca il "mostro"? Forse. Ma intanto succede il finimondo: crolla il teatrotenda, un sassofonista viene accoppato, Michele è sequestrato dai contrabbandieri...
(Film.it) 
Terzo arrivato al cinema fra i cabarettisti della “ Smorfia ”, dopo Massimo Troisi ed Enzo Decaro, anche Lello Arena si fa onore. Protagonista di un film che ha per idea-guida la schizofrenia della Napoli d'oggi, per metà aggrappata al mandolino e per metà appesa al sassofono, ma la sviluppa parodiando il “ giallo ” e il “ nero ”, e prendendo in giro le dissociazioni partenopee con estrosa autoironia.
Partendo da un soggetto di Troisi sceneggiato dallo stesso Lello Arena, da Michael Pergolani e Stefano Vespignani, il film prende le mosse dalla redazione del “Mattino”, il quotidiano di Napoli, dove lavorano il barbuto Michele Giuffrida e la fotografa Lisa Sole. Lui è timido e mortificato, perché lo hanno addetto agli annunci funebri, lei - venuta dal Nord - è estroversa e intraprendente. I due opposti caratteri, in cui si esprimono due modi diversi di essere italiani, si scontrano quando uno sconosciuto che si firma Funiculì Funicolà minaccia di fare una strage se in città avrà luogo l'annunciato “ primo festival Nuova Napoli ”, il quale prevede non già le antiche canzoni melodiche ma musica rock. Mentre Michele, incaricato dal suo direttore, scrive a malincuore un articolo sul maniaco che ha già procurato un crollo al teatro-tenda, la donna infatti lo spinge, perché faccia carriera, a trasformarsi in esca e in detective. L'esito è sconcertante. Dopo aver reso visita al vecchio genitore, che tenuto chiuso a chiave farnetica sul sole e Piedigrotta, Michele sembra dover sbrogliare un'intricatissima matassa, che s'insanguina quando James Senese, un noto sassofonista napoletano, viene ucciso dallo sconosciuto, lo stesso Giuffrida è sequestrato da un gruppo di contrabbandieri, Lisa è rapita, e Massimo Troisi - proprio lui - finisce assassinato con la pizza in bocca. Perché l'imbroglio si sciolga occorre che Lisa scenda in un sottoscala e faccia una scoperta ridicola e agghiacciante: dove si dimostra che, appunto, Napoli è doppia, divisa fra la sua folcloristica tradizione e il suo bisogno di futuro, e intanto frigna e minaccia, supplica il Nord e lo ricatta.
Tema dunque assai grave, caro ai meridionalisti e già tra le pieghe di Ricomincio da tre, ma svolto dal film con agile humour grazie all'intarsio di thrilling, di farsa e d'irriverenza. Diretto da un regista poco più che trentenne, Lodovico Gasparini, ex aiuto di Ferreri, Cavani, Steno, Monicelli, il quale rivela fin dall'esordio una soddisfacente maturità, esso si distingue nel trasandato panorama del nostro cinema brillante per l'impianto originale, la buona direzione degli attori, la coincidenza tra risata e fiato sospeso. È un po' lunghetto, ma ha momenti molto spassosi, e pur premendo sul paradosso innesta sul tronco del comico i rami d'autocritica nati dalla più avvertita anima napoletana, che non si ritrae dinanzi al dileggio della retorica sentimentale e miracolistica.
Lello Arena, che in Ricomincio da tre era l'amico impiccione, ne è l'interprete divertente. Con quell'aria da cane abbacchiato che all'occorrenza scodinzola, potrà darci molto di più, ma qui ha ragione di non voler fare il passo più lungo della sua gambetta. Lasciando largo spazio all'amico con cui recitava a San Giorgio a Cremano, ci consente di tornare a gustare un Massimo Troisi che nella parte di se stesso tocca le vette del gioco mimico e verbale (“ Perché Napoli deve cambiare? E Rovigo?? ”). Simpatici e bravi, al loro fianco, sono non soltanto gli oriundi - Armando Marra nei panni del cieco, Antonio Sigillo in quelli del vecchio padre, Elio Polimeno e Sergio Solli - ma anche i venuti da un altro mondo a fare da contrappunto: la svelta brianzola Maddalena Crippa e il massiccio toscano Carlo Monni.
(Giovanni Grazzini. Il Corriere della Sera, 4 novembre 1982)
http://forum.tntvillage.scambioetico.org/tntforum/index.php?s=d197facee5ab742d3b0fb73858765bf7&showtopic=170078&hl=

10 comentarios:

  1. Gracias a vos puedo ver muchas peliculas en italiano..!! todas las noches una!! buenisimo.. yo tengo muchas series de epoca buenisimas pero no se como dartelas para que las subas.. Muchas gracias.. por tu gran aporte a aquellos que no nos gusta el cine americano.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Pattysolo
      Mi correo es elcineitaliano@gmail.com
      Saludos.

      Eliminar
  2. Es la última que te pido, pero si te causa una molestia, con todas las que ya te pedí, no te compliques.

    Saludos.

    Kino Glaz.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Me gustaría que fueras miembro del blog.

      "Solo se repondrán las películas solicitadas por los MIEMBROS del blog en el comentario correspondiente a las mismas. (Tiempo y paciencia en la espera)"

      De cualquier modo, en poco tiempo estará.

      Eliminar
    2. Gracias, Amarcord. Casi ni uso la cuenta de Blogger, pero intentaré publicar los mensajes con la misma.

      Feliz Noche Vieja y Navidad.

      Eliminar
  3. Hay subtítulos en español:

    http://www.subdivx.com/X6XMjgxMDky

    Muchas gracias, Amarcord.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Muchas gracias por colaborar.
      Un abrazo.

      Eliminar
    2. Es lo mínimo que puedo hacer por todo lo que haces en este maravilloso sitio. De hecho, pensé que la ibas a publicar con los subtítulos en español.
      Te acabo de dejar el enlace de los subtítulos en español de "I Guappi". Esta película ya la tengo, aunque todavía no la ví. Ya llegará ese día.

      Otro abrazo.

      Eliminar