ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




viernes, 16 de marzo de 2012

EXTRA: TV > Correva l'anno - Allegria! I divertimenti degli italiani negli Anni '50


TITULO ORIGINAL Correval'anno
UN PROGRAMA DE Marina Basile e Tiziana Pellegrini
PRODUCTOR EJECUTIVO Maria Carla Pennetta
DIRECCION Andrea Bevilacqua
PROGRAMA ALLEGRIA! I divertimenti degli italiani negli anni 50
de Francesco Linguiti
MONTAJE Cristina Barbieri
CONSULTOR HISTORICO Giovanni Sabbatucci
BUSQUEDA Emanuele Colarossi
MUSICA Pasquale Filasto

SINOPSIS Dopo anni di sacrifici torna la voglia di ridere, di emozionarsi e di guardare avanti. Ma quali sono gli svaghi che offre questo decennio sospeso fra tradizione e modernità? Alle le gite fuori porta e ai Luna Park si aggiungono presto nuove forme di evasione.
La domenica ci sono sempre le partite di pallone, ma ora nasce il tifo di massa e arriva “la schedina” del Totocalcio con la sua promessa di ricche vincite, e questo sport cessa di essere solo un gioco per trasformarsi in una vera e propria febbre.
Poi c’è il cinema! Nasce la commedia all’italiana. A Roma Cinecittà lavora a pieno ritmo. Ovunque si aprono nuove sale ed un biglietto costa, in media, 100 lire. Ma anche per chi rimane a casa il divertimento è assicurato. Ci pensa la RAI TV, che inaugura le trasmissioni nel 1954 e un anno dopo lancia un gioco a premi condotto da Mike Bongiorno. La nuova passione degli italiani si chiama “Lascia o raddoppia?”. Quando va in onda il quiz le strade, i cinema, i bar si svuotano e i concorrenti diventano famosi quasi quanto i divi del cinema.
Verso la fine del decennio i primi benefici del boom economico cominciano a farsi sentire e si  scoprono le vacanze. Le località turistiche sono prese d’assalto e in modo particolare le spiagge. Con la nuova 500 Fiat, in treno o in pullman, in albergo, in tenda o in crociera, al mare o in montagna, gli italiani scoprono il turismo di massa.
In conclusione, come sempre, l’editoriale di Paolo Mieli.
http://www.correvalanno.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-ced9aa6c-cf1c-4129-907e-66860fce1e34.html

No hay comentarios:

Publicar un comentario