ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




jueves, 29 de marzo de 2012

I Recuperanti - Ermanno Olmi (1969)


TÍTULO ORIGINAL I Recuperanti
AÑO 1969
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Inglès (Separados) 
DURACIÓN 101 min. 
DIRECTOR Ermanno Olmi
GUIÓN Ermanno Olmi, Mario Rigoni Stern, Tullio Kezich
MÚSICA Gianni Ferrio
FOTOGRAFÍA Ermanno Olmi
REPARTO Antonio Lunardi, Andreina Carli, Alessandra Micheletto, Oreste Costa, Francesco Covolo, Mario Covolo
PRODUCTORA RAI / Palumbo Produzioni
GÉNERO Drama
 
SINOPSIS A su vuelta a casa en 1945, Gianni busca trabajo. El viejo Du lo invita a ayudarle a recuperar los residuos metálicos (bombas sin explotar) de la Guerra del 14. (FILMAFFINITY)


I recuperanti è un film per la televisione italiano del 1969 diretto da Ermanno Olmi. La sceneggiatura è dello stesso Olmi, di Tullio Kezich e di Mario Rigoni Stern.
Per la maggior parte è interpretato da attori non professionisti originari dell'altopiano di Asiago, luogo nel quale il film viene interamente girato.
La première statunitense della pellicola avvenne il 20 settembre 1970 al Film Festival di New York; sul mercato francese il film uscì invece il 7 gennaio 1981, mentre il 5 aprile 2005 è stata presentato al Febio Film Festival della Repubblica Ceca.

Trama
Altopiano di Asiago, secondo dopoguerra: il giovane Gianni torna al suo paese natale dalla campagna di Russia e si mette alla ricerca di un lavoro.
Dopo una prima occupazione in una segheria abusiva, e dopo che il fratello Francesco è partito per l'Australia in cerca di lavoro, Gianni incontra una sera il vecchio Du (il film si ispira al vecchio Vu, Albino Celi di Valstagna), che in evidente stato di ubriachezza si mette a straparlare, dicendogli anche come lui si guadagna da vivere, ovvero recuperando dei residuati bellici metallici della Grande Guerra sulle montagne dell'Altipiano e rivendendoli, in modo da guadagnarci del denaro per sopravvivere.
Nonostante inizialmente Gianni veda il vecchio Du come un pazzo che straparla, man mano si rende conto che il vecchio ha le sue ragioni, che gli permetteranno di guadagnare qualcosa per potersi sposare con la sua ragazza.
Poco più avanti Gianni decide di impegnare la sua indennità di buonuscita militare comprando un metal detector, che, sempre assieme al vecchio Du, riesce a fargli scoprire maggiori quantità di materiale bellico.
La vita dei recuperanti va avanti così, con nuovi prezzi e qualche morto accidentale. Proprio per questo motivo, Gianni, spaventato dalla possibilità di perdere la vita facendo questo pericoloso lavoro, decide di abbandonare il vecchio Du e di seguire il consiglio della sua ragazza, ossia quello di intraprendere un lavoro meno pericoloso, come quello del manovale. Il film si conclude con il vecchio Du che prende in giro Gianni e che lo rimprovera di averlo abbandonato, ma Gianni non cambia idea e rimane a fare il manovale.
http://it.wikipedia.org/wiki/I_recuperanti


Un film difícil de encontrar en España, a menos de que tengamos la suerte de que le de por aparecer en alguna filmoteca, tal y como sucedió en mi caso. Un precioso filme ambientado en la Italia de la Postguerra, en 1945. Olmi convina en este film, el drama y el humor. Seguramente uno de los filmes que marcaron el estilo de Roberto Begnini en obras como "La Vida es bella" o "El Tigre y la nieve". Un filme agradable, tranquilo, silencioso, duro y divertido.
Kike666
http://www.filmaffinity.com/es/reviews/1/191841.html

4 comentarios:

  1. Hola, Amarcord

    Vayan por delante la admiración que me produce tu labor, mi agradecimiento por los tesoros que posteas y mis ánimos por la putada de mediafire.

    Ahora viene la petición: me encantaría que resubieses esta película, puesto que estoy muy interesado en Olmi y esta es una de las curiosidades de su filmografía. Por supuesto, sólo si te es posible. Todo menos causar engorros.

    Mis mejores deseos y un cordial saludo

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Gabriel
      En unos días trataré de subirla.
      Un abrazo.

      Eliminar
  2. ¡¡Muchísimas gracias, Amarcord!!

    Un abrazo grande

    ResponderEliminar