ESPACIO DE HOMENAJE Y DIFUSION DEL CINE ITALIANO DE TODOS LOS TIEMPOS



Si alguién piensa o cree que algún material vulnera los derechos de autor y es el propietario o el gestor de esos derechos, póngase en contacto a través del correo electrónico y procederé a su retiro.




jueves, 26 de mayo de 2011

Il Lupo della Sila - Duilio Coletti (1949)


TÍTULO Il lupo della Sila
AÑO 1949 
IDIOMA Italiano
SUBTITULOS Español (Separados)
DURACIÓN 95 min.
DIRECTOR Duilio Coletti
GUIÓN Mario Monicelli, Giuseppe Gironda, Carlo Musso, Ivo Perilli, Steno, Vincenzo Talarico
MÚSICA Enzo Masetti, Osvaldo Minervini
FOTOGRAFÍA Aldo Tonti
REPARTO Silvana Mangano, Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman, Jacques Sernas, Luisa Rossi, Olga Solbelli, Dante Maggio, Michele Capezzuoli, Laura Cortese, Attilio Dottesio
PRODUCTORA Lux Film
GÉNERO Drama | Melodrama

SINOPSIS Pietro y Orsola se aman y debido a que Rocco, hermano de Orsola, se opone a este amor, han de verse a escondidas en una cabaña. Una tarde matan a un hombre; Pietro, de regreso de la cabaña, es arrestado acusado del asesinato. Él proclama su inocencia, pero para no poner en peligro a Orsola, se niega a confesar donde ha pasado la tarde. La madre de Pietro habla con Orsola para que interceda por su hijo; pero Rocco lo rechaza brutalmente. (FILMAFFINITY)


Il grido della terra, Il lupo della Sila e Cielo sulla palude: laici contro cattolici (1949)

Il cinema italiano del dopoguerra appare ripiegato su se stesso. Se affronta questioni sociali e politiche lo fa rimanendo saldamente ancorato alla realtà nazionale e le poche eccezioni (Emigrantes di Fabrizi, Germania anno zero di Rossellini, entrambi del 1948), peraltro relative occupandosi di situazioni in qualche modo correlate a quella italiana, non fanno che confermare la tendenza.
...
Ancora il binomio Lux-Duilio Coletti, per il tramite del produttore Dino De Laurentis, mette in cantiere un nuovo “attacco alla tradizione” con la pellicola Il lupo della Sila (dicembre 1949; 95 min.), ambientato tra gli aspri paesaggi della Calabria rurale. Come già in numerose altre pellicola finanziate dalla ditta piemontese (si pensi ad esempio al simile Notte di tempesta di Franciolini, 1945; vedi) l’astuto meccanismo consiste nel calare una vicenda fumettistica, degna di un romanzo d’appendice, all’interno di una cornice dal sapore documentaristico e perfino “neorealistico” (riprese in esterni che valorizzano in modo abile il paesaggio calabrese, utilizzazione della popolazione locale, una magnifica fotografia in un denso e contrastato bianco e nero). Al centro viene collocata una figura mostruosa che finisce con il divenire emblematica di quel luogo e di quella cultura che si vogliono dipingere con accenti “arcaico-medievali”, pieni di disprezzo. Così Rocco Barra (Amedeo Nazzari), il più stimato proprietario locale, è un fanatico, disumano e autoritario difensore dell’onore familiare: dapprima impedisce alla sorella (Luisa Rossi) di scagionare il proprio amante (Vittorio Gassman) ingiustamente accusato di omicidio, decretandone in definitiva la morte; anni dopo invece, follemente inamorato di una giovane, prosperosa lavorante (Silvana Mangano), decide di sposarla senonché, quando il figlio Salvatore (Jacques Sernas), a cui sembra sinceramente affezionato, gliela porta via, lo insegue e immediatamente, saltando ogni doveroso chiarimento verbale, cerca di ucciderlo a fucilate. Insomma una vera e propria bestia infernale, animata da un feroce egoismo dettato da un’interpretazione estremistica e artificiosa delle tradizioni familiari del meridione d’Italia.



Si noti, per finire, che l’unica figura totalmente positiva è quella di Salvatore, un presunto calabrese interpretato da un attore francese (privo del minimo tratto somatico meridionale), il quale ha abbandonato la propria terra e le proprie convenzioni per vivere e studiare in una imprecisata, lontana e popolosa città: ovvero un perfetto e astratto modello di meridionale assimilato alla cultura laico-modernista.
Il film di Coletti, basato su questo sciocco soggetto inventato da Steno e Monicelli (e da loro sceneggiato con altri), è dunque soprattutto una caricatura indecente del costume del sud ad opera dei noti settori laici della Torino “illuminista”, settori assorbiti dalla propria guerra di modernizzazione di un’Italia rurale (fin dai tempi delle guerre d’indipendenza, della repubblica romana e dei Mille garibaldini) considerata oscurantista e inutile. In questa “guerra di religione” ogni mezzo è valido e ogni risorsa viene mobilitata: la bellezza provocante di Silvana Mangano (subito spogliata nella prima sequenza), l’autorità attoriale di Nazzari, la accattivante, veloce struttura narrativa (un Coletti finalmente in forma) animata da un montaggio serrato e da eventi spettacolari che si susseguono in modo trascinante (sebbene totalmente inverosimile) e infine una indubbia capacità di fotografare in modo perfino poetico la natura montagnosa e solcata di torrenti della Sila. Il pubblico resta giustamente soggiogato dal lavoro e ne sancisce un imprevisto, largo successo. Il centro cattolico al contrario, meno sensibile a queste qualità linguistiche e più attento alla visione ideale che la pellicola reca con sé, bolla con il solito “escluso” il prodotto Lux.
...
http://www.giusepperausa.it/_il_grido_della_terra__il_lupo.html

6 comentarios:

  1. Caro AMICO L ULTIMO FILE NO7 NON ESISTE SE LO PUOI RIMETTERE IL LINK FUNZIONANTE GRAZIE

    ResponderEliminar
  2. Trataré de solucionarlo a la brevedad.

    ResponderEliminar
  3. Amarcord:
    Quando tuvieres tiempo podras resubir esta película?
    muchas gracias.
    samueleliseu

    ResponderEliminar